Biografie

Roberta Cau

Figlia d’Arte, nasce nel Novembre 1974 a Cagliari, nel Sud della Sardegna.
Da sempre respira arte, e realizza subito una certa e intensa produzione nei laboratori artistici che apre insieme ad altri pittori.
La collaborazione, il confronto con altre arti, fanno parte integrante del suo mondo.
E’ la natura a fare la sua parte, la affascina, la plasma.
Ma è anche il suo mare che l’aiuta a creare dal nulla, la ispira.
Al liceo artistico di Cagliari raccoglie le leggi fondamentali della grafica, la teoria delle ombre, la prospettiva.
I colori sono sfumature, ma per lei il vero colore vive solo nella tela.
Pittura ad olio, la sua migliore espressione artistica che eredita dal padre.
Da sempre creativa, come ogni artista che si rispetti, viaggia pur di conoscere e confrontarsi con i diversi modi di fare arte.
Si espone, si mostra. Toscana. Parigi. Berlino.
Si guarda attorno, alla ricerca continua di perfezione da imprimere sulla tela, ma intanto getta per terra la versatilità di chi è artista. Continua a sperimentare sulla propria pelle ogni forma d’arte aprendo un’associazione culturale SorsiLab, nata dalla passione per il vino rosso, che dal calice lei riversa sulle sue tele.
In fondo si deve avere uno stile “speciale” per essere artista?
Di Chiara Ciri.

Perché il vino in ogni opera?

Costantemente mi rinnovo..mi riscopro..mi piace sperimentare e trovare sempre un qualcosa che mi ispira..mi emoziona o parte dal mio animo.
Il semplice sorso di vino, dipingerlo per me è come omaggiarlo…con momenti di vita, frammenti, attimi, su tela.
Il Vino rappresenta la mia personalità, trovo che abbia tanto da raccontare…
umori con le varie sfaccettature che fanno da contorno.
Ho tanto da raccontare..dietro le quinte..
Il vino nasce dalla terra..cresce..e come noi essere umani, forma il suo carattere…racchiudendo tutto nel ciclo della vita..
Un calice di vino custodisce un mondo..da scoprire gustando lentamente…
assaporando ogni più intensa sensazione…
Come a dare un’anima e un corpo..a un semplice gesto: sorseggiare.
Il rosso rappresenta ciò che scorre dentro..come il sangue nelle vene…
Un qualcosa di intimo…

Curriculum Artistico:

-Anno 1994 Realizzazione 1° mostra personale di pittura, presentata a Laconi (OR).

-Anno 1995 Partecipazione mostra estemporanea di pittura e grafica con rispettivo attestato e vincita del secondo premio, ottenuto presso il comune di Monserrato (CA).

-Anno 1995 Partecipazione concorso estemporanea di pittura organizzato dal comitato Vivicastello di Cagliari e rispettiva mostra collettiva presentata alla passeggiata coperta del bastione di S. Remy.

-Anno 1996 Attività di collaborazione presso lo studio dell’artista Gianni Argiolas , per la realizzazione lavoro artistico su vetrate destinate alla chiesa S.Giuseppe di Roma.

-Anno 1996 Attività di collaborazione con l’artista Gianni Argiolas per la realizzazione pannelli decorativi , tema “il Natale” presso chiesa S.Ambrogio di Monserrato (CA).

-Anno 1997 Attività di collaborazione con l’artista Gianni Argiolals per la realizzazione dipinti su muro presso scuola materna “Baby school” di Monserrato (CA).

-Anno 1997 Collaborazione con l’artista Gianni Argiolas, per la realizzazione dipinto su muro raffigurante il “trittico” presso il paese San Nicolò Gerrei.

-Anno 1998 partecipazione asta benefica di pittura, organizzata dall’associazione Focus presso il centro culturale A.S.P.I.S. Di Pirri (CA), per la realizzazione monumento equestre di S. Ignazio da Laconi (OR).

-Anno 1999 Partecipazione mostra collettiva di pittura, tema “la resurrezione” realizzata nella casa Foddis di Monserrato.

-Anno 1999 Partecipazione mostra collettiva dell’artigianato sardo, realizzata presso centro culturale di Laconi (OR).

-Anno 1999 Partecipazione estemporanea di pittura, tema “la vendemmia” con rispettiva mostra realizzata presso centro culturale G. Verdi di Monserrato (CA).

-Anno 2000 Partecipazione mostra collettiva di pittura organizzata dall’associazione Focus di Pirri (CA).

-Anno 2000 Partecipazione mostra collettiva di pittura realizzata presso aula consiliare del comune di Laconi (OR).

-Anni 2001-2002 Realizzazione di opere pittoriche commissionate da privati.

-Aprile 2002 Partecipazione mostra collettiva di pittura realizzata presso locale Tarantini Pirri (CA).

-Agosto 2002 Partecipazione mostra collettiva di pittura realizzata presso Comune di Laconi (OR).

-Agosto 2002 Partecipazione mostra mercato dell’artigianato artistico, realizzata presso museo delle vecchie carceri di Castiadas (CA).

-Anno 2002 Partecipazione mostra collettiva dell’artigianato sardo, realizzata presso centro culturale di Laconi (OR).

-Anni 2002-2004 Realizzazione di opere pittoriche commissionate da privati.

-Anni 2004-2008 Partecipazione a mostre collettive.

-Anno 2005 Realizzazione e apertura Laboratorio artistico “LAF”, presso via Dalmazia a Cagliari.

-2006 Partecipazione mostra collettiva di pittura realizzata presso locale a Pula (Ca).

-Anno 2006 Realizzazione e apertura Laboratorio artistico “Passionarte” presso via Corte d’Appello 77 Cagliari.

-Marzo 2007 Partecipazione mostra collettiva presso Galleria “Il Colore” via Donizetti Cagliari.

-Anno 2007 Partecipazione collettiva d’Arte presso locale a Sestu (CA).

-Settembre 2008 Partecipazione mostra personale-collettiva in occasione del Culturfestival di Tuili (VS).

-Ottobre 2008 Partecipazione collettiva d’Arte presso locale alla Corte del Sole a Cagliari.

-Estate del 2008 Mostra personale-collettiva di pittura realizzata presso locale a Laconi (Or).

-Anni 2009-2010 Realizzazione mostre collettive di pittura presso locali nella città di Firenze.

-Dicembre 2010 Realizzazione Mostra personale allo Zalu’s Club a Cagliari.

-Marzo 2011 Partecipazione collettiva di pittura nella Biblioteca Universitaria in via Università a Cagliari.

-Agosto 2011 Partecipazione collettiva d’Arte “Blu Oltremare” a Villasimius (CA).

-Febbraio 2012 Partecipazione collettiva d’Arte dal titolo “Sentimental Eros 5” presso la Galleria “La Bacheca” in via dei Pisani a Cagliari.

-Maggio 2012 Partecipazione collettiva d’Arte “Ciao Primavera” allo Spazio 61, via dei Genovesi Cagliari.

-Settembre 2012 Partecipazione evento “Culturefestival”. Collettiva di pittura a Sardara (CA).

-Ottobre 2012 Partecipazione collettiva d’Arte “Autunno in città” allo Spazio 61 in via dei Genovesi Cagliari.

-Novembre 2012 Realizzazione Mostra personale al “Caffè Barcellona” Cagliari.

-Aprile 2013 Partecipazione collettiva d’Arte “Ciao Primavera” allo Spazio 61, via dei Genovesi Cagliari.

-Settembre 2013 Partecipazione collettiva d’Arte “il sensibile e il sensuale” in via Baylle Cagliari.

-Ottobre 2013 Partecipazione collettiva d’Arte “Autunno in città” allo Spazio 61, via dei Genovesi Cagliari.

-Novembre 2013 Partecipazione evento “Case Campidanesi aperte”. Collettiva d’Arte alla Casa Saddi-Grippo, Pirri-Cagliari

-03-05-2014 Partecipazione Mostra collettiva in occasione della rassegna d’arte “Ciao Primavera, presso Spazio 61, Via dei Genovesi Cagliari

-06-06-2014 Partecipazione all’evento artistico “Contemporaneamente”, realizzato presso lo Spazio 61 Cagliari e Olbia-pulse/SpazioArte.

-27-07-2014 Esecuzione “Murales” col tema “solidarietà” organizzato dall’associazione “I Sardi Soccorso”, presso la sede di Viale San Vincenzo Cagliari.

-01-08-2014 Esposizione artistica personale in occasione dell’evento “Vino in Villa”, presso la Villa Devoto Pangher, via Genneruxi Cagliari.

-Dal 20-08-2014 al 03-09-2014 Partecipazione collettiva di pittura dal titolo “Segno-Colore-Movimento-Energia”, realizzata presso lo Spazio 53 Via Napoli Cagliari.

-29-08-2014 Realizzazione dipinto in occasione della festa di Sant’Ignazio a Laconi, col tema “festa in piazza”.

-1-0/14-09-2014 Partecipazione Mostra collettiva in occasione dell’Antico Sposalizio Selargino, organizzata presso le Antiche Carceri Aragonesi di Selargius.

-14-09-2014 In occasione dell’evento Festa di Sant’Uberto, organizzato dall’associazione Unione -Cacciatori di Sardegna, benedizione del mio dipinto, che ritrae il Santo, da parte del Vescovo Arrigo Miglio.

-11-10-2014 Esposizione pittorica nel Circolo Kiki’s a Cagliari.

-17-10-2014 Partecipazione collettiva d’Arte “Autunno in città” dal tema “ROSSO” allo Spazio 61, via dei Genovesi Cagliari.

-Dal 27/03/2015 al 12/04/2015 Partecipazione Mostra Collettiva col tema “MoMenti” presso la Galleria “Salotto dell’Arte” Cagliari.

-Dall’11/04/2015 al 19/04/2015 Partecipazione collettiva d’Arte “Ciao Primavera” col tema “Cinquanta sfumature di colore”, allo Spazio 61, Via dei Genovesi Cagliari.

-Dall’11/04/2015 al 09/05/2015 Partecipazione alla Mostra SWAP organizzata da Francesco Amadori col tema “lo Scambio”, presso lo “Spazio Invisibile” Cagliari.

-Dal 28/04/2015 al 05/05/2015 Partecipazione Mostra Collettiva col tema “S’art-Efisio” presso la Galleria “Salotto dell’Arte” Cagliari.

-Dal 22/05/2015 al 29/05/2015 Partecipazione Mostra Collettiva col tema “Sentimental Eros” presso la Galleria “Salotto dell’Arte” Cagliari.

-Il giorno 06/06/2015 viene costituita l’Associazione Culturale “SORSILAB”.

-Dal 12/06/2015 al 26/06/2015 Partecipazione Mostra Collettiva col tema “Arte e Musica” presso la Galleria “Salotto dell’Arte” Cagliari.

-Dal 16/07/2015 al 19/07/2015 Partecipazione all’ Abarra Festival a Villacidro con una mini personale pittorica.

-Dal 25/08/2015 al 31/08/2015 Esposizione presso il Bar Giampy a Laconi (OR).

-Fino ad oggi, attività nello spazio espositivo SorsiLab con sede a Firenze

Chiara Ciri

Nasce a Palermo ma è Firenze la città che l’ha adottata da anni.
Vicepresidente dell’associazione culturale SorsiLab.
Nonché critica d’arte e scrittrice.
Scrive d’istinto. Senza filtri e immediata.
Sente l’arte e poi ce la racconta.
Trascina e non tralascia mai l’atmosfera artistica di Firenze.
E lo fa in modo viscerale.
Scrive anche recensioni per passione.

Se ti chiedessi di raccontarti, cosa risponderesti?

Non amo parlare di me. Non saprei neppure da dove iniziare.
Forse preferisco far parlare di me, attraverso i miei versi a volte ermetici,
a volte immediati.
Chi vuole cogliere mi trova là. Nei miei scritti.
Mi racconto in segreto.

Che cos’è per te la Poesia?

La Poesia non è altro che una lama a doppio taglio.
Perché sembrerebbe quasi quasi un’arte superflua
in questo mondo, un qualcosa in più. Invece in realtà,
quando m’infilo tra i versi, almeno io dipendo da loro.

Quando è avvenuto il tuo approccio con quest’arte?

Da piccina ho sempre scritto poesie. Erano un rifugio dalla
normalità. Ma non mi mettevo mai in mostra. Non osavo. Non rischiavo.
Erano poesie scritte solo tra me e me. Segrete. Quasi nascoste.
Poi da grande ho sentito il bisogno di farmi conoscere. E confrontarmi.

Di cosa trattano le tue poesie?

Il mio modo di scrivere è più che altro surreale.
Amo scavare la mente umana. Andare oltre la banalità.
Amo il gioco di parole. Incastrarle tra di loro, scomporle
come fossero puzzle da ricomporre.

Che messaggio vuoi trasmettere ai lettori?

Il messaggio che trasmetto non è mai programmato.
So che succede. E basta.
Il messaggio che lancio…è la provocazione.
Ma soprattutto quello che amo è scuotere la pigrizia mentale.
A detta dei miei lettori i miei versi sanno leggere dentro.
Ma non è mai un messaggio studiato a tavolino.
Anche perché io scrivo di getto. Quasi senza controllo.

Quali sono a tuo parere le caratteristiche che sono proprie della poesia,
e non si ritrovano in nessuno altro linguaggio?

L’essenziale. Che poi è la caratteristica secondo me del bravo poeta.
Usare un linguaggio essenziale. Immediato. Breve. Per raccontare un mondo che sta dietro.
Un mondo complesso. Un mondo intero.

Quanto è importante internet per dar voce alle poesie di scrittori emergenti?

Assolutamente fondamentale. Non immaginavo quanto potesse essermi utile.
Per farmi conoscere ho usato per caso i social network che mi hanno permesso
di mettermi in discussione. E mostrarmi.

Cosa puoi dire riguardo al mercato della poesia in Italia?

Difficile. Complesso. Come ogni forma di mercato destinato alla vendita.
Le poesie poi sono ancora più penalizzate. Si comprano più romanzi che poesie.
Inoltre troppi editori pensano più alla pubblicazione che al contenuto.
Al significato della poesia stessa. E quindi pubblicano ogni cosa.

Sta per essere pubblicato il tuo primo libro, dal titolo “Sei tutta colpa della notte”.
Come nasce l’idea del tuo racconto?
Vuoi spiegare il perché di questo titolo?

Certi pensieri vengono fuori solo di notte. Son più leggibili a noi stessi.
Sono più chiari. E l’idea di questo racconto nasce poprio dall’idea che la notte
alimenta parole nuove. Ancora meglio del giorno. Aiuta a creare meglio.
Nel silenzio che è fuori, tra le ombre che sostano, e l’ispirazione che entra dentro la stanza.

Di cosa tratta?

Un monologo incorniciato dai ricordi. Immagina la somma di tantissime
poesie legate tra loro, da un filo conduttore.
Il ricordo proprio di quella notte
che viene fuori ogni notte.
Due anime che non si incontreranno mai se non nelle parole
scritte dalla protagonista.

Che cosa vuoi trasmettere ai lettori, con il libro?

Che a volte ci sono verità inconfessabili pure a noi stessi.
Questo perchè non le accettiamo, ma preferiamo raccontarci
altro, piuttosto che incontrarci con la nostra vera anima.
E scendere nelle zone più oscure.

Da chi è stato pubblicato?

Ho vinto un concorso letterario. Sia la parte della poesia, sia la parte della narrativa.
E per questo “Il Vajo del libro” mi ha pubblicato questo racconto vincitore.
Un racconto di 70 pagine circa.

E’ difficile pubblicare un libro. Per quale motivo?

Credo non sia poi tanto difficile pubblicare un libro.
Certe case editrici te lo pubblicano anche solo se paghi le copie
e se il contenuto non è poi tanto male.
Il difficile più che altro è…trovare i lettori…

Perché dovremmo leggere “Sei tutta colpa della notte”?

Per il linguaggio che ho scelto. Semplice. Poetico. Ma immediato.
Un linguaggio che scivola. Senza paroloni.
E poi per il contenuto. Una storia che può coinvolgere tutti.
E può capitare a tutti…
Colpa della Notte…Che poi è anche una metafora della vita.
A volte, il buio, l’oscurità attraggono di più che la luce.
Chi la ama, come me, sa quanto la Notte sa insinuarsi sottopelle,
sa essere un filo invisibile. Un’alchimia di sensi.
Che contagia. Tutti.

Attualmente in cosa sei impegnata?

Ad una mostra di pittura.
Scrivo recensioni e presento le collettive degli artisti.
Prossimamente ci sarà una mostra qui a Firenze.
Una personale di Roberta Cau. E la presenterò io.

Progetti?

Ho già iniziato un altro libro.
Ma questa volta voglio che sia più lungo del racconto.
Un romanzo. Noir.

Vuoi aggiungere altro?

Si. Vorrei dire che, anche se sembra una frase fatta,
ho capito sulla mia pelle, che se ci si crede veramente in quello che si è,
nelle proprie capacità, gli obiettivi si raggiungono.
Prima o poi si raggiungono.